Categorie
Relazioni Vita

La costruzione delle relazioni Interpersonali

Viene esplorata la costruzione delle relazioni interpersonali, in particolare le relazioni romantiche, secondo alcune teorie psicologiche di riferimento.

Relazioni Interpersonali Psicologia

Ricerca, Costruzione e Conclusione delle relazioni Interpersonali

Come costruiamo le nostre relazioni interpersonali?

La Teoria dell’attaccamento può aiutarci a rispondere a questa domanda.

La Teoria dell’Attaccamento

La teoria dell’attaccamento propone che le rappresentazioni mentali delle esperienze dell’infanzia con i caregiver fungano da meccanismo principale attraverso il quale le esperienze di attaccamento precoce incidono sul successivo funzionamento interpersonale (ad esempio, Bowlby 1969/1982; 1973; 1980).

Si presume che il contenuto e l’organizzazione di queste rappresentazioni di attaccamento dipendano dall’ambiente di cura attuale e dalla storia di interazione della diade genitore-figlio.

Si ritiene che le rappresentazioni dell’attaccamento siano relativamente stabili dall’infanzia all’età adulta e che aiutino a organizzare i pensieri, i sentimenti e il comportamento degli individui all’interno di nuovi contesti di relazione attraverso l’età adulta, comprese le relazioni romantiche e le relazioni genitore-figlio.

E’ possibile sapere in età adulta le rappresentazioni di attaccamento?

Gli psicologi dello sviluppo utilizzano un’intervista specifica per scoprire queste rappresentazioni di attaccamento nell’adolescenza e nell’età adulta (AAI; Hesse, 2016; Main, Kaplan e Cassidy, 1985).

Intervista Adult Attachment Interview  (AAI)

L’AAI è un’intervista retrospettiva autobiografica che si concentra sulle esperienze infantili degli individui con i caregiver primari.

 Il metodo tradizionale di codifica degli AAI (Main, Goldwyn e Hesse, 2003-2008) si concentra sulla coerenza interna delle memorie episodiche / autobiografiche degli adulti delle loro esperienze e relazioni relative all’attaccamento infantile.

In particolare, si presume che le rappresentazioni dell’attaccamento degli individui siano catturate da una serie di valutazioni degli stati mentali dell’attaccamento degli adulti che si concentrano sulla coerenza generale delle narrazioni prodotte e sulle ideologie razionali / irrazionali presentate durante l’intervista (denominata coerenza di mente).

Il discorso coerente durante l’AAI ha dimostrato di essere una misura preziosa per comprendere i processi di attaccamento lungo il corso della vita, ottenendo risultati coerenti con le ipotesi fondamentali della teoria dell’attaccamento.

Ad esempio, la produzione di una narrativa autobiografica coerente durante l’AAI è stata collegata alla qualità delle prime esperienze di caregiving (ad esempio Grossmann, Grossmann e Kindler, 2005; Haydon, Roisman, Owen, Booth-LaForce e Cox, 2014; Roisman, Madsen, Hennighausen, Sroufe e Collins, 2001; Steele et al., 2014) e predice il comportamento nelle relazioni romantiche (ad es. Crowell, Treboux, Gao, Fyffe, Pan, & Waters, 2002; Holland & Roisman, 2010) e nelle relazioni genitore con i bambini (ad es. Shlafer, Raby, Lawler, Hesemeyer e Roisman, 2015; Van IJzendoom, 1995).

Le rappresentazioni autobiografiche possono influire sulla qualità delle relazioni interpersonali

Le rappresentazioni autobiografiche svolgono tre funzioni di base:

  1. auto-definizione,
  2. promozione della connessione sociale e
  3. direzione del processo decisionale e del comportamento (ad esempio, Bluck & Alea, 2008; Fivush & Waters, 2013; Waters, Bauer, & Fivush, 2014).

In particolare, Main (2000) ha ipotizzato che le rappresentazioni autobiografiche sicure delle esperienze di caregiving infantile (valutate dalla coerenza mentale AAI) riflettano uno stile attenzionale sottostante che si sviluppa in risposta alla qualità e alla coerenza delle cure ricevute durante l’infanzia.

Evidenze Scientifiche sulle relazioni interpersonali

E’ stato effettuato uno studio longitudinale riguardo le rappresentazioni di attaccamento sia scritte che autobiografiche in relazione al comportamento nelle relazioni romantiche.

I partecipanti erano di età compresa tra i 19 e i 26 anni e nati in povertà.

Cosa è stato osservato?
Qualità delle relazioni romantiche

Sono state osservate tre variabili relative alla qualità delle relazioni romantiche:

  1. osservata qualità dell’interazione con i partner romantici,
  2. soddisfazione relazionale autosufficiente e
  3. efficacia del coinvolgimento romantico .
Qualità delle Relazioni genitore-figlio

Anche la qualità della relazione genitore-figlio è stata valutata sulla base di tre risultati chiave:

  1. sicurezza dell’attaccamento infantile,
  2. osservazioni sulla qualità dei genitori e
  3. qualità dei genitori classificata per colloquio.

Gli studiosi hanno ipotizzato che le rappresentazioni delle prime esperienze con i caregiving o meglio la conoscenza di script di base sicura (ad es. la Disponibilità del caregiver, la reattività o fornitura di un comfort efficace), sarebbe significativamente associata alle relazioni romantiche e alle relazioni genitore-figlio.

Cos’è la base sicura della sceneggiatura di base?

La conoscenza sicura della sceneggiatura di base può essere più influente nel modellare le risposte dei genitori all’angoscia infantile dei loro figli nei contesti di vita,e a sua volta è strumentale nel plasmare le aspettative di attaccamento precoce dei neonati sulla disponibilità e sulla reattività (cioè la sicurezza dell’attaccamento).

Risultati sulle relazioni interpersonali

I risultati emersi indicano e confermano precedenti evidenze scientifiche che la conoscenza sicura della sceneggiatura di base è positivamente associata al funzionamento degli adulti nelle relazioni romantiche (Waters et al. 2013), al supporto della genitorialità degli adulti durante le interazioni con i loro figli (ad esempio, Coppola et al., 2006 ) ed alla qualità dell’attaccamento infantile nella prossima generazione (ad esempio, Bost et al., 2006).

Complessivamente, i risultati di questo studio sono coerenti con l’ipotesi che le rappresentazioni dell’attaccamento siano associate al funzionamento nei contesti interpersonali dell’età adulta.

Abbiamo esplorato come le le rappresentazioni dell’attaccamento aiutino a organizzare i pensieri, i sentimenti e il comportamento degli individui e giocano un ruolo chiave nelle relazioni interpersonali.

Le relazioni interpersonali hanno un loro specifico ciclo di vita.

Potrebbe accadere che le relazioni interpersonali finiscono.

Cosa succede quando accade?

Per rispondere a questa domanda, ci siamo focalizzati sulle relazioni romantiche.

( Emozioni e Relazioni, clicca qui per leggere l’articolo)

Precisamente,molte persone trascorrono buona parte della propria vita passando da periodi di relazione a periodi di separazione.

Alcune domande sulle relazioni

Le persone possono controllare la durata delle loro relazioni?

Inoltre possono scegliere quanto tempo cercare in seguito alla rottura di una relazione?

Quanto aspettano prima  di avere un relazione successiva?

Le relazioni : risorse e ricerca di un compagno sentimentale

Le relazioni possono generare alle persone diverse risorse come la compagnia, l’attaccamento emotivo, il sostegno finanziario, la stimolazione intellettuale,la nascita di bambini, i legami familiari, lo stato, la stabilità, il miglioramento della salute e del benessere e così via.

E’ possibile comprendere come le persone ricercano un compagno?

Perché lo ricercano?

Ottengono più risorse, di conseguenza sono più soddisfatti quando hanno una relazione rispetto a quando sono single ?

La Teoria Optimal Foraging Theory (OFT) cerca di spiegarci questo.

La Teoria Optimal Foraging Theory (OFT — Stephens & Krebs, 1986) o meglio la Teoria del foraggiamento ottimale cerca di indagare meglio questi quesiti.

OFT prevede come gli organismi dovrebbero evolversi per fare i compromessi tra la ricerca di risorse (“esplorazione”) e il loro utilizzo (“sfruttamento”).

La teoria del foraggiamento ottimale ha esaminato il modo in cui gli individui allocano il loro tempo alla ricerca di varie risorse.

La teoria OFT – utilizzata per meglio comprendere le relazioni – cerca di indagare:

  • In che modo le persone esplorano le relazioni e decidono quando entrarne in una relazione?
  • Cosa ottengono (risorse) le persone dalle loro relazioni e come decidono quando lasciarle?
  •  E come vengono impiegati i il ​​tempo e lo sforzo tra l’esplorazione di nuove relazioni ?

Le opportunità di entrare in nuove relazioni saranno distribuite nel tempo e possibilmente nello spazio.

Il modo in cui le persone cercano e trovano queste opportunità è stato studiato principalmente in termini di ciò che stanno cercando e come si comportano in diverse modalità (ad esempio, nei bar, durante gli appuntamenti rapidi, durante gli appuntamenti online).

Il modo in cui le persone decidono quando perseguire una particolare opportunità è stato studiato da una prospettiva di ricerca, spesso in termini di problemi di arresto ottimali.

Dal punto di vista dell’arresto ottimale, la ricerca del compagno consiste nell’incontrare una sequenza di potenziali compagni, ognuno dei quali ha una certa qualità, e prendere una decisione quando interrompere questa ricerca ed entrare in una relazione in modo tale che un compagno venga trovato con la più alta qualità possibile.

In termini di ricerca di relazioni, ciò potrebbe essere applicato al modo in cui le persone decidono quale qualità o tipo di relazioni perseguire data la distribuzione disponibile della qualità delle relazioni e come prendono in considerazione il “tempo di gestione” sotto forma di costi di corteggiamento.

Dalla letteratura sulle relazioni romantiche, la teoria dell’interdipendenza ipotizza che gli individui dovrebbero abbandonare una relazione quando i loro risultati o risorse scendono al di sotto di una soglia particolare che ci si potrebbe aspettare da altri potenziali partner di relazione(Kelley e Thibaut, 1978).

Ulteriori ricerche sulle relazioni interpersonali…

Alcune coppie sposate e conviventi hanno partecipato ad un sondaggio mediante il quale sono state individuate misure sulla salute, sui figli, sulla qualità delle relazioni e sulla durata di varie fasi della relazione sia a livello individuale che di coppia (National Center for Family and Marriage Research, 2010).

Un ulteriore sondaggio “National Couples Survey” ha valutato la durata delle fasi di relazione, la fecondità, gli atteggiamenti riproduttivi e le storie sessuali dettagliate ( Grady, Billy, Klepinger, Cubbins e Tanfer, 2009).  

I risultati preliminari (Cohen & Todd, 2017) suggeriscono che i livelli di alcune risorse relazionali valutate in modo più soggettivo tra cui amore, fiducia e soddisfazione possono cambiare nel tempo (come l’esaurimento verso la fine delle relazioni dissolte) in modo coerente con un’analisi di risorse, sebbene i risultati siano stati contrastanti.

Ulteriori risultati emersi

Dal punto di vista della ricerca delle relazioni romantiche, le persone che affrontano tempi di ricerca più lunghi tra le relazioni rimangano in ogni relazione in media più a lungo.

Esistono diversi modi in cui un individuo potrebbe “sapere” di dover affrontare ricerche più lunghe: potrebbe conoscere il proprio tempo di ricerca tra le relazioni, oppure potrebbe osservare il tempo di ricerca di altri o potrebbe dedurre il proprio tempo di ricerca dato dalle sue qualità di compagno e quelle dei loro concorrenti.

Come ci comportiamo dopo la fine di una relazione?

Non sorprende che le persone che escono dalle relazioni abbiano riportato una riduzione di soddisfazione, impegno e amore (Sprecher, 1999).

A seguito di una relazione, la maggior parte delle persone entra in un periodo di angoscia e probabilmente di tristezza elevata (Sprecher, Felmlee, Metts, Fehr & Vanni, 1998), che possono interferire o ritardare la successiva ricerca della relazione.

Inoltre, gli individui che escono da relazioni più lunghe e impegnate tendono ad avere maggiore angoscia o affetto negativo (Simpson, 1987) che potrebbe ritardare la ricerca più a lungo.

Una tale angoscia potrebbe persino portare a un’avversione per rientrare di nuovo nello stesso tipo di relazione: dopo lo scioglimento di un matrimonio, molte persone non si sposano di nuovo e convivono invece con nuovi partner (De Jong Gierveld, 2004).

 Di conseguenza, ci si potrebbe aspettare che la durata della relazione modifichi il comportamento post-rottura, portando a ricerche più lunghe dopo relazioni più lunghe.

Consulenza e Sostegno Psicologico di Coppia

Se hai la necessità di un percorso di consulenza e sostegno psicologico: sono degli interventi finalizzati ad accogliere la richiesta d’aiuto della persona, puoi contattarmi.

Può verificarsi online o in presenza a Roma

Grazie

Dott.ssa Donatella Valsi

Se hai trovato interessante l’articolo, Condividilo
Fonti:
Categorie
Vita

Il senso della vita

Il presente articolo cerca di esplorare il senso della vita prendendo in considerazione diverse visioni e approcci teorici psicologici, e focalizzandosi su diversi aspetti della vita.

Il senso della vita psicologia

Il senso della vita è uno dei costrutti chiave, considerato parte integrante di una vita ben vissuta.

Il significato o senso della vita può influenzare il funzionamento umano.

Infatti, il senso della vita permette alle persone di interpretare e organizzare la loro esperienza quotidiana, raggiungere obiettivi e classificare l’importanza degli oggetti.

Jung e il Senso della Vita

«Profondità e superficie devono mescolarsi, al fine di generare nuova vita. La nuova vita però non nasce al di fuori di noi, ma in noi stessi. […] La vita non viene dalle cose, ma da noi.

Tutto ciò che accade fuori è già accaduto. Perciò chi osserva l’evento da fuori vede sempre soltanto ciò che è già stato e che è sempre uguale. Chi invece guarda da dentro sa che tutto è nuovo.

Le cose che accadono sono sempre le stesse. Non è sempre uguale invece la profondità creativa dell’essere umano.

Le cose di per sé non significano nulla, assumono un significato soltanto dentro di noi. Siamo noi a dare significato alle cose. Il significato è ed è sempre stato artificiale. Siamo noi a crearlo.

Cerchiamo dunque in noi stessi il significato delle cose affinché la via di quel che ha da venire possa palesarsi e la nostra vita continui a scorrere.
Ciò di cui avete bisogno proviene da voi stessi, ed è il significato delle cose. Il significato delle cose non è il senso che è loro proprio. Questo senso si trova nei libri dotti. Le cose sono prive di senso.Il significato delle cose è la via della redenzione che vi create voi stessi. Il significato delle cose è la possibilità – creata da voi stessi – di vivere in questo mondo. E’ la capacità di dominare questo mondo e l’affermarsi della vostra anima in questo mondo.Questo significato delle cose è il senso superiore che non si trova nelle cose stesse e neppure nell’anima, è piuttosto il Dio che sta tra le cose e l’anima, il mediatore della vita, la via, il ponte, il passaggio.

Non avrei potuto vedere ciò che doveva venire, se non avessi potuto scorgerlo in me stesso.»

(C.G.Jung – Libro Rosso)

La Musica e il senso della Vita

( Giorgia – Il Senso )

Una miriade di studi hanno esplorato la relazione tra significato nella vita e benessere mentale, nonché la psicopatologia.

Molti psicologi lo considerano una parte vitale dei processi e dei comportamenti mentali (Frankl 1979; Steger 2012; Wong 1998).

Cos’ è il senso della vita?

Diversi modelli cercano di rispondere a questo quesito.

Secondo Steger et al. (2006), l’approccio delle persone alla comprensione del significato nella vita può essere vista in due dimensioni principali:

  • presenza del significato nella vita e
  • ricerca del significato nella vita.
Presenza di significato della vita

La presenza di significato della vita riguarda la misura con cui le persone comprendono, danno un senso  o vedono un significato nella loro vita,  accompagnato dalla percezione di avere uno scopo, una missione nella vita;

Precisamente si riferisce al grado con cui gli individui percepiscono la propria vita come significativa.

Ricerca di significato della vita

La ricerca di significato della vita si riferisce alla forza, all’ intensità e all’attività del desiderio e degli sforzi delle persone per stabilire e / o aumentare la loro comprensione di significato e scopo della loro vita .

Quest’ultimo riflette il grado in cui le persone sono impegnate nella ricerca di significato nella vita.

 Presenza e Ricerca di senso della vita

Entrambe le dimensioni hanno un carattere essenzialmente diverso ed esprimono atteggiamenti diversi nei confronti della vita.

La presenza di significato nella vita consente alle persone di vivere la propria vita come comprensibile e significativa e sentire un senso di scopo o missione nella propria vita che trascende le preoccupazioni banali della vita quotidiana (Steger 2009).

Questa definizione è abbastanza ampia da comprendere una vasta gamma di esperienze umane legate allo scopo e al significato e suggerisce anche che le persone possono trovare significato impegnandosi in sforzi creativi e perseguendo i propri obiettivi.

Approfondimenti sul senso della vita

La ricerca del significato nella vita si riferisce agli sforzi dinamici e attivi che gli individui fanno quando cercano di comprendere il significato e lo scopo della loro vita (Steger et al. 2008).

Steger (2012) sottolinea che il significato è un termine principale che comprende due fattori principali:

  1. la comprensione e
  2. lo scopo.

Il primo fattore riflette la capacità umana di dare un senso e comprendere la propria vita, incluso il proprio io, il mondo esterno e il modo in cui uno si adatta e opera all’interno del mondo.

Il secondo fattore indica aspirazioni generali e di lunga durata che sono auto-concordanti e stimolano l’attività correlata.

Il senso della vita e altre visioni di significato

Frankl (1965), nella sua teoria del significato, ha proposto che ogni persona ha uno scopo unico o scopo generale per la propria vita e cerca di attualizzare il maggior numero possibile di valori nella propria comunità.


Baumeister (1991) sottolinea che il significato nella vita dipende dallo scopo, dall’efficacia, dal valore e dall’autostima.

Le persone possono sperimentare un significato nella vita quando le loro vite hanno un senso o trasmettono informazioni significative e comprensibili.

Wong (1989) che ha definito il significato nella vita nella categoria del significato personale come un sistema cognitivo costruito individualmente, che conferisce alla vita un significato personale.

Può essere concepito come una mappa dinamica e cognitiva che guida le persone attraverso il loro corso di vita.

Secondo la ricerca delle teorie implicite di Wong (1998), il sistema dei significati è costituito da cinque componenti:

  1. affettivo,
  2. motivazionale,
  3. cognitivo,
  4. relazionale e
  5. personale.

Le categorie vengono utilizzate per valutare gli eventi di sé e della vita in relazione al significato (McDonald et al. 2012).

Il significato personale

Il significato personale misura il significato implicito (cioè le concezioni e le credenze riguardanti la vita detenute dalle persone) che è visto come “comprendente una vita idealmente significativa”.

Il livello di significato può essere valutato in sette settori:

  1. realizzazione (perseguimento e raggiungimento di significativi obiettivi di vita),
  2. relazione (capacità sociale generale),
  3. religione (avere credenze affermative sulle relazioni con il divino),
  4. auto-trascendenza (impegno in attività altruistiche),
  5. accettazione di sé (un’umile accettazione dei propri limiti),
  6. intimità (avere relazioni emotivamente strette) e
  7. trattamento equo (percepire un grado di giustizia nella vita).

La religione e il senso della vita

Sono stati condotti numerosi studi che dimostrano ripetutamente che la religione può essere una potente fonte di significato nella vita (Chamberlain e Zika 1992; Emmons 2005; Park 2005, 2013).

Alcune definizioni

La religione può essere definita come “una ricerca di significato nei modi legati al sacro” (Pargament 1997, p. 32).

Nonostante il fatto che la relazione tra religione e significato sia intima e complessa, molte persone trovano nelle credenze religiose un senso di scopo, comprensione e supporto psicologico (Park 2013).

Nel libro “La psicologia della religione.Prospettive psicosociali ed empiriche” di Hood et al. (2009) si afferma (clicca qui per vedere il libro):

“I presupposti che formano il quadro fondamentale di questo libro sono che la ricerca di significato è di fondamentale importanza per il funzionamento umano e che la religione è unicamente in grado di aiutare in quella ricerca” (p. 12).

I sistemi religiosi forniscono agli individui un insieme integrato di credenze, obiettivi e significati che possono essere utilizzati per spiegare le complessità del mondo e affrontare situazioni e problemi personali.

Analizzando la religione come fornitore di significato, Hood et al. (2009) sottolineano quattro criteri in base ai quali la religione è unicamente in grado di fornire un significato globale:

  1. completezza,
  2. accessibilità,
  3. trascendenza e
  4. affermazioni dirette.
Completezza

Innanzitutto, la religione è il più completo di tutti i sistemi di significato, poiché include una vasta gamma di altre fonti di significato, come relazioni sociali, lavoro, famiglia, risultati, relazioni personali e valori importanti.

Accessibilità

La religione è accessibile alle persone nel senso di contribuire al significato globale attraverso la promozione di insegnamenti e credi dottrinali, educazione religiosa e norme etiche di comportamenti accettabili e inaccettabili.

Trascendenza

La trascendenza riflette la tendenza delle persone a cercare una realtà invisibile ed esplorare le “preoccupazioni finali” (Emmons 2005) che richiede una certa fiducia in un’autorità suprema in cui si trova un significato superiore.

Affermazioni dirette

Infine, la religione afferma direttamente di fornire un senso di significato in quanto facilita gli sforzi delle persone di interpretare le loro esperienze in termini di intenzioni esistenziali e di significato che è incorporato nel carattere sacro della religione.

Il Senso della vita,religione e stress

La capacità della religione di fornire un significato alla vita è particolarmente evidente nel contesto della gestione dello stress e dei principali eventi della vita.

Il Coping religioso: capacità di fronteggiamento

Il coping religioso può essere definito come:

“il grado in cui la religione fa parte del processo di comprensione e gestione degli eventi critici della vita” (Pargament et al. 2005, p. 482).

Evidenze scientifiche

I risultati degli studi condotti da Pargament (1997) che ha introdotto il concetto di coping religioso rivelano che può essere utile o dannoso, a seconda del particolare tipo di strategia di coping religioso utilizzata.

In generale, i metodi di coping religiosi possono essere raggruppati in due grandi categorie generali:

  1. coping religioso positivo e
  2. negativo (Pargament et al. 1998).
Il Coping Religioso Positivo

Gli stili di coping religiosi positivi riguardano relazioni sicure con Dio e un senso di connessione spirituale con gli altri. Tendono ad essere più utili per le persone che vivono eventi stressanti.

Il Coping religioso Negativo

Gli stili di coping religiosi negativi rivelano relazioni insicure con Dio e tensioni tra gli individui e, come indica la ricerca, sono di solito disadattivi (Ano e Vasconcelles 2005; Pargament et al. 2004).

In tal senso, la religione è più di un meccanismo di difesa in quanto può fornire agli individui quadri di significato completi e integrati che consentono loro di spiegare in modo soddisfacente gli eventi della vita difficili.

Il Senso della vita,religione e lutto

La ricerca condotta da Park (2005) su studenti universitari in lutto mostra che il significato religioso può influenzare i processi di coping creando significati dopo la perdita di una persona cara.

Evidenze scientifiche

Nel periodo iniziale del lutto, le persone che avevano forti credenze religiose tendevano a sperimentare più stress, che era collegato alla discrepanza tra il loro sistema di significato globale e le valutazioni di tali eventi.

Tuttavia, dopo un periodo di alcuni mesi, questi effetti sono scomparsi o addirittura invertiti, suggerendo un’associazione positiva tra religione e aggiustamento a lungo termine.

Attingendo alla religione come sistema di significati, gli studi dimostrano che gli individui possono derivare quadri completi di significato personale dalle loro credenze religiose che a loro volta influenzano le loro capacità di affrontare le avversità e lo stress della vita (Park 2007, 2013).

Il Senso della vita come fattore importante per il benessere

Esistono prove sostanziali che dimostrano che il significato nella vita è associato al benessere e al funzionamento positivo.

Le persone che credono che le loro vite abbiano un significato sono più felici (Debats et al. 1993) e riportano un livello più alto di soddisfazione della vita che riflette il grado in cui gli individui valutano positivamente la propria vita (Chamberlain e Zika 1988; Steger et al. 2008).

Il Senso della vita e la felicità

Gli studi hanno anche confermato i legami tra significato nella vita e varie misure di felicità globale (Ryff e Keyes 1995), adattamento psicologico (Thompson et al. 2003) e benessere generale (Ho et al. 2010).

I risultati forniscono una forte evidenza che convalida le relazioni positive tra significato della vita e domini che riflettono il funzionamento positivo.

Il senso della vita e le emozioni

Il significato della vita è anche associato ad affetti ed emozioni positive che sono spesso considerati una dimensione emotiva del benessere soggettivo (Diener 2009).

Il senso della vita e salute

Numerosi studi suggeriscono che un forte senso del significato nella vita è associato a una migliore salute fisica (ad esempio, Krause, 2004) e a una migliore salute mentale (ad esempio, Reker, 1997), ma sembra esserci solo uno studio che valuti empiricamente la relazione tra significato nella vita e la mortalità (O’Connor & Vallerand, 1998).

Evidenze Scientifiche

Ad esempio, Park, Malone, Suresh e Rosen (2008) hanno studiato nel tempo l’influenza del significato sulla vita sulla salute tra uomini e donne a cui era stata diagnosticata un’insufficienza cardiaca congestizia.

Park e colleghi riportano che un senso più forte del significato nella vita è stato associato con il miglioramento delle valutazioni della salute nel tempo.

Il senso della vita e le relazioni

La ricerca rivela che le persone che hanno social network più sviluppati tendono a vivere più a lungo rispetto agli individui socialmente isolati (House, Landis e Umberson, 1988).

La ricerca indica che le persone con sistemi di supporto sociale ben sviluppati hanno probabilmente un senso di significato più forte nella vita rispetto agli individui che non mantengono stretti legami con gli altri (Krause, 2007b).

Grazie

Dott.ssa Donatella Valsi

Se ti è piaciuto l’articolo,Condividilo
Fonti: